+39 0831 815906    +39 0831 811050    info@udial.it

4 meeting di successo. Quattro location diverse per incontrare tutti i soci

7 aprile, Parco dei Principi di Bari, si è tenuto il primo dei 4 Meeting Territoriali  con i soci di Puglia, Basilicata e Calabria; a seguire, il 12 aprile al Grand’Hotel Vanvitelli di Caserta, il secondo appuntamento con i soci di Campania, Lazio, Molise, Abruzzo e Marche. Poi ancora a Cefalù il 5 maggio presso Villa dei Melograni, U.DI.AL. ha incontrato i soci della Sicilia e, per concludere il tour, ultimo appuntamento ad Oristano, il 12 maggio presso l’Hotel Mistral 2, per incontrare i soci della Sardegna.

Bari.jpg (554 KB)

Un tour de force molto impegnativo per il team del consorzio U.DI.AL. che in poco tempo ha incontrato tutta la base sociale grazie ai Meeting Territoriali. «Quest’anno siamo stati noi ad andare dai nostri soci - ha dichiarato il direttore del Consorzio Luigi Cetrangolo - come sapete, abbiamo dovuto declinare, causa Covid, il nostro meeting nazionale, ma non potevamo e non abbiamo rinunciato a far sentire la nostra vicinanza ai soci. Sono stati quattro incontri bellissimi, abbiamo registrato grande partecipazione ed entusiasmo da parte della nostra base sociale, uomini e aziende che non vedono l’ora di ripartire e riprendersi il ruolo da protagonisti che hanno sempre avuto sui loro mercati. Nonostante la fatica di girare mezza Italia - conclude Cetrangolo - ne è valsa la pena, abbiamo potuto presentare ai soci le iniziative che stiamo portato avanti, li abbiamo motivati, insomma, dopo due anni di Covid era assolutamente necessario ritrovarsi e rilanciarsi».

Caserta.jpg (552 KB)

I MEETING E I CONTENUTI

I meeting si sono aperti con l’intervento del presidente di U.DI.AL. Antonio Argentieri, sempre molto accorate le sue parole, ha parlato di come il gruppo ha saputo affrontare i momenti critici, ha motivato i soci facendo leva sui sentimenti di appartenenza al consorzio, che ha saputo in questi mesi difficili essere punto di riferimento e che ora si prepara ad affrontare un futuro, certamente difficile, ma non mancano - ha sottolineato Argentieri - idee, soluzioni e voglia di fare. La parte tecnica del meeting si è sviluppata sulla presentazione statistica fatta dal General Manager Luigi Cetrangolo che, partendo dall’analisi della numerica della base sociale (285 aziende associate) e la loro presenza sul mercato, ha fatto il punto sugli andamenti statistici del 2021 ribadendo gli ottimi risultati conseguiti da U.DI.AL., che ha completamente “recuperato” il gap del 2020 causato dal Covid anche grazie ad attività promozionali eccezionali sostenute da risorse consortili.

Sicilia.jpg (690 KB)

Cetrangolo ha commentato i risultati categoria per categoria soffermandosi anche sullo stato degli accordi commerciali del 2022. Molto interessante la sezione curata da Paolo Ciola che ha presentato tutta la linea dei prodotti Foodservice e la linea professional per l’horeca, oltre alla gamma dei prodotti a marchio che diventano sempre più decisivi nelle politiche consortili per permettere ai soci di aumentare la loro competitività e di conseguenza la marginalità. Molto interesse ha suscitato il nuovo progetto vini presentato per l’occasione. Giuseppe Rotolo, poi, ha fatto il punto sullo stato di avanzamento del progetto U.D.M. U.DI.AL. dati mercato in collaborazione con IRI e dell’iniziativa Pronto Bevi dedicata ai soci che operano nel porta a porta. Spazio anche ai nuovi corsi di formazione del 2022 e alle nuove attività di comunicazione. Massimo D’angela - responsabile amministrativo del consorzio - è intervenuto per spiegare come il socio, dal punto di vista contabile e amministrativo, potrà meglio interfacciarsi e interagire con il consorzio. 

Sardegna.jpg (537 KB)

Molto seguiti, oltre che applauditi, gli interventi in video delle aziende di produzione, che è possibile leggerli nelle pagine successive di questo numero di Drink Style. I 4 meeting hanno avuto in comune il medesimo impianto organizzativo, apertura dei lavori intorno alle ore 10:00 per concludersi poi alle 13:00 per il pranzo sociale. Molto apprezzato dai soci il dono realizzato per l’occasione: un orologio da parete con il logo U.DI.AL. raffigurato su una ceramica di produzione artigianale a Vietri sul Mare, località famosa per la lavorazione artistica della terracotta. Gradite anche le parole con le quali il presidente Argentieri e il Direttore Cetrangolo hanno concluso i lavori: «Sono stati 2 anni difficili, ma abbiamo saputo resistere e reagire, le perdite sono state contenute al minimo, anzi abbiamo in certi periodi incrementato il fatturato. Ma questo non ci deve far cullare, la ripresa del mercato non sarà semplice ne scontata, molte cose stanno cambiando e noi dobbiamo avere la capacità di leggere e cogliere il cambiamento, senza timori ma con la consapevolezza di avere un ruolo importante nel mercato e farlo valere».

Drink style, la rivista

Video